neuroarchitettura

Colori e la neuroarchitettura: come l’ambiente influisce sul cervello

La neuroarchitettura è il frutto dell’unione tra la neuroscienza e l’architettura.

Questa disciplina nasce per lo studio dell’ambiente che modifica il cervello così da comprendere gli elementi architettonici che influenzano lo stato mentale. I colori sono delle componenti chiave su cui si basa questa scienza. Ogni colore infatti provoca una reazione diversa nel nostro cervello, quindi causa un comportamento diverso del soggetto. Vediamo alcuni esempi.

Il rosso è un colore che colpisce molto il nostro sguardo. Questo colore ci trasmette emozioni forti, che fanno pensare all’amore e alla passione, ma anche al pericolo. Secondo alcuni studi il rosso ha persino il potere di stimolare la competizione e di aiutare il soggetto a raggiungere la vittoria.

Quando vediamo il rosso facciamo pertanto pensieri relativi a un potenziale combattimento. Non a caso, il rosso è il colore della guerra, ossia dello spargimento di sangue. Molti infatti associano il rosso al sangue oppure in alternativa al fuoco.

Anche il fuoco è un elemento che parla di distruzione, ovvero di qualcosa di pericoloso. Oltre a tutto ciò il rosso stimola la creatività e aumenta le capacità di autoconservazione.

Il blu è un colore che rimanda alle profondità del mare e dei cieli. È il simbolo della calma, perché quando il nostro cervello recepisce questo colore ha una sensazione di relax. È per questo che molti social sfruttano questo colore per far sì che gli utenti stiano sulla loro piattaforma per più tempo senza problemi.

Chi preferisce questo colore cerca di stare lontano dagli ambienti caotici, ma cerca costantemente una connessione con la natura. Oltre a causare una reazione a livello cerebrale, il blu ha la capacità di stabilizzare la frequenza del battito cardiaco.

Per questo è un colore che fa pensare anche al benessere, sebbene non sia il colore della salute, che è il verde.

Il verde è il colore della salute perché è associato alle erbe terapeutiche. Dal punto di vista associativo, quando vediamo il verde pensiamo subito alla natura, ai prati e ai giardini. Questo colore emana anche un senso di equilibrio e armonia. Quando percepiamo questo colore riceviamo uno stimolo ad amare tutto il regno naturale, vegetali ma anche animali. Il verde lo associamo anche alla speranza, quindi è un colore che ci incoraggia a sperare e a inseguire i nostri sogni. Chi preferisce questo colore vuole spesso fare bella figura, quindi tende a curare se stesso e magari ad impressionare l’altro.

Il giallo è il colore che tutti associamo al sole. Questo colore si associa perciò a personalità solari, perché trasmette gioia e allegria. Chi preferisce questo colore tende infatti all’estroversione ed è solitamente una persona che si circonda di tanti amici. Può essere anche una persona dotata di una fervente immaginazione.

Il giallo quando viene recepito dal cervello provoca una vitalità nel soggetto, che solitamente ha molte aspettative sul suo futuro e ama rinnovarsi, facendo sempre nuove esperienze.

La persona che ama il giallo fa di tutto per essere ammirata, così da essere il sole nel cielo della vita.

I colori neutri

Oltre a questi colori principali, ci sono gli effetti di tutti gli altri colori, che possono essere effetti più moderati, quando ad esempio si interagisce con colori neutri, come il bianco o il grigio, oppure possono essere più forti, come quando si ha a che fare con colori accesi come il viola.

Quest’ultimo colore è abbastanza interessante perché mentalmente lo associamo alla spiritualità e tutti coloro che amano la filosofia orientale lo associano all’ultimo chakra, quello della Corona, che indica la connessione con il Divino.

In conclusione, si può vedere come ogni colore interagisce con il nostro essere in modo speciale.

Quando il nostro cervello recepisce un colore dà il via ad una serie di sensazioni, da cui nascono pensieri ed emozioni. Spetta a noi scegliere i colori con consapevolezza, così da provocare le reazioni che desideriamo, avendo così un maggior controllo del nostro essere. 

Di Donato Samya Ilaria

Autore: Samya Ilaria Di Donato

Ricercatrice e scrittrice, consulente dei colori e ideatrice del metodo Coloranima®per l’uso consapevole dei colori nella vita. Termina con lode l’Accademia Artistica Marangoni di Milano e diventa giovanissima Presidente dell’Associazione Italiana Consulenti di Immagine. Prosegue i suoi studi a Londra e Milano con il Master in Marketing and Communication e moltissimi altri corsi innovativi per la crescita personale e professionale. Scopre i colori nel 2001 quando le salvano la vita: da quel momento parte un lunghissimo profondo studio su questa disciplina di cui incontra i più grandi maestri nel mondo e attraversa diverse tappe da cui nascono anche i suoi bestseller Colori e Kabbalah per la ricerca dei significati nascosti dietro di colori, Colori e Percorso Alchemico, Colori e Fiabe e moltissimi coloratissimi studi ancora in corso.

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Attenzione: questo contenuto è protetto!!