Schermata 2019-10-09 alle 16.55.35

Come liberarsi dalla manipolazione: tecniche di resistenza al potere…

Dalla paura alla manipolazione

Ogni volta che ci sentiamo eccessivamente emotivi e pieni di paure, possiamo stare pur certe che, se vicino a noi è presente qualcuno che ha tutta l’intenzione di manipolarci, questo riuscirà nel suo intento.

Il motivo è semplice: emotività e paure spengono le nostre capacità razionali che servono da filtro per non far passare ciò che per noi è dannoso e spalancano le porte ai malintenzionati che si trovano nel mondo esterno.

Immaginate il vostro cervello come se fosse composto da tre livelli:

• il primo, quello più direttamene a contatto con il mondo esterno, come rigido e inamovibile;
• il secondo, che si trova subito dopo al primo, semi morbido e, quindi, abbastanza suscettibile a colpi significativamente ben assestati;
• e il terzo, quello più direttamente a contatto con il vostro intimo, molliccio ed estremamente sensibile a qualsiasi tocco.

Ora, è chiaro che se il primo livello svolge bene il suo lavoro farà passare, dall’esterno, solo ciò che è sano, consentendo soltanto una stimolazione positiva degli altri livelli più sensibili.

Ma se, al contrario, questo primo livello funziona male o, peggio, non funziona affatto, in noi potrà fare breccia qualsiasi malintenzionato; dopo aver stimolato in modo eccessivo e negativo i nostri livelli più sensibili  – e, di conseguenza, averci fatto cadere in un stato mentale caotico e pieno di paure –  ci dirà di seguirlo perché lui conosce la via d’uscita da quella situazione.

A quel punto, senza nemmeno rendercene conto, ci ritroveremo legati al guinzaglio di un manipolatore.

Come funzionano le tecniche manipolatorie?

La situazione che vi ho appena descritto è quella che tipicamente avviene ogni volta che ci lasciamo “trasportare” da un venditore o da un politico.

Questi conoscono talmente bene questo fenomeno di controllo d’aver sviluppato delle materie apposite che vanno sotto il nome di propaganda e marketing.

Come funziona, ad esempio, il metodo che tutti i bravi venditori applicano?

L’approccio è, nei fatti, molto semplice, anche se ci vuole molta maestria per applicarlo, e consiste essenzialmente in due fasi: prima creano il problema nella mente del futuro acquirente e quando, a quel punto, il venditore vedrà comparire un’espressione di disagio sul volto del suo cliente capirà di aver fatto segno e proporrà la soluzione

Questo metodo, sebbene con “prodotti” differenti, è lo stesso di quello applicato in politica.

Ma perché funziona così bene? Perché, come accennavo prima, attraverso questa tecnica viene scardinato quello che abbiamo definito “primo livello” del nostro cervello che altro non è se non la nostra razionalità.

Ne consegue che più riusciremo a sviluppare e a rinforzare la nostra razionalità e più difficile sarà per noi cadere vittima dei manipolatori.

Liberarsi dalla manipolazione: il pensiero razionale

Ma come si fa a sviluppare e a rinforzare la nostra razionalità? Come liberarsi dalla manipolazione?

Esistono due metodi che, per poter funzionare, devono viaggiare paralleli come i binari dei treni.

Il primo metodo consiste nell’applicare i metodi di logica e di “visione del mondo” che ci sono stati tramandati dagli antichi Stoici;

il secondo, invece, consiste nel saper utilizzare in modo adeguato il proprio linguaggio del corpo e, di conseguenza, nel saper riconoscere quello altrui, giacché comunichiamo molto a noi stessi e agli altri anche attraverso il nostro corpo.

Come mettere in pratica tutto questo lo vedremo insieme a me e all’esperto di linguaggio del corpo Francesco Di Fant sabato 9 novembre in un seminario in cui, in un’intensa giornata, approfondiremo e  metteremo in pratica tutto ciò. A presto!

Putrino Michele

Autore: Michele Putrino

Michele Putrino, dopo aver studiato filosofia, ha lavorato per anni come Exhibition Manager presso la Fondazione Roma Museo dove si è occupato del coordinamento del personale e degli eventi. In seguito si è occupato di coaching, in particolare nel settore della leadership, collaborando con esperti del settore e scrivendo numerosi articoli ed ebook.

1 Comment

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    error: Attenzione: questo contenuto è protetto!!