FOTO-11A (2)

Congratulations Mr. Trump! Se Maduro è meno impresentabile, è grazie a te e al carneade Guaidò

I 2 presidenti del Venezuela

Il Venezuela è sprofondato nel caos più totale, ora in balia di due presidenti che si accusano reciprocamente di “golpismo”.

Questa triste farsa è esplosa sui media di tutto il mondo il 23 gennaio scorso, quando il capo dell’assemblea nazionale di Caracas Juan Guaidò ha deciso di autoproclamarsi presidente con il benestare del presidente americano Donald Trump, lesto nel riconoscere l’ultimo arrivato quale nuovo legittimo capo del Paese centramericano.

Una procedura così surreale e ridicola non poteva non trovare l’adesione immediata di quel che resta dell’Unione Europea, subito pronta – sull’esempio statunitense – a ritenere il Carneade-Guaidò vero Presidente.

La posizione del governo italiano

In questo delirio alcolico tutto occidentale – cinesi e russi fortunatamente hanno conservato il senso del limite e del ridicolo – il governo italiano rappresenta una lodevole eccezione, essendosi coraggiosamente rifiutato di avallare una tanto sgangherata operazione geopolitica.

Il sottosegretario agli esteri del Movimento 5 Stelle Manlio Di Stefano (molto migliore dell’inespressivo titolare della Farnesina Enzo Moavero, ministro “prezzemolino” che svolazza con nonchalance dal governo Monti fino a quello Conte) ha detto nel merito parole chiare e condivisibili:

“L’Italia non riconosce Guaidò perché siamo totalmente contrari al fatto che un Paese o un insieme di Paesi terzi possano determinare le politiche interne di un altro Paese. Si chiama principio di non ingerenza ed è riconosciuto dalle Nazioni Unite”.

La dottrina Monroe e l’Impero U.S.A.

A prescindere dal giudizio che ognuno può avere singolarmente maturato sull’efficacia della rivoluzione bolivariana imposta in Venezuela da Chavez e dal suo successore Maduro, tutti dovremmo essere concordi nel ritenere l’autoproclamazione dell’ambizioso massone Guaidò alla stregua di un altissimo momento di comicità involontaria.

Dal 1823, dal giorno in cui fu cioè proclamata la famosa “dottrina Monroe”, gli Stati Uniti si arrogano il diritto di trattare l’intero continente sudamericano come misera e servile appendice dell’Impero, da guidare un po’ con le buone e un po’ con la frusta a seconda delle diverse contingenze storiche.

Guaidò, che ha l’espressione di uno che potrebbe fare fortuna a Zelig o come concorrente beneducato della Ruota della Fortuna, non somiglia obiettivamente nel merito né a Videla né a Pinochet, ma anche il metodo in politica è sostanza.

E il metodo usato in questa vicenda dalle solite centrali “neocon” a stelle e strisce, quelle che in qualche modo hanno già “normalizzato” l’istrionico outsider Trump, puzza oggi come ieri.

E torna l’indecoroso Elliot Abrams

La nomina di Elliot Abrams quale inviato speciale per gli affari venezuelani – fortemente voluta da Bolton e Pompeo – getta un chiaro marchio d’infamia sull’intera operazione. Abrams è un famoso delinquente, noto ai tempi di Reagan per essere uno dei più fieri sostenitori dei dittatori del Guatemala e dell’Honduras, nonché dei rispettivi “squadroni della morte”. Condannato in passato per avere mentito al Congresso sul caso Iran-Contra fu subito graziato da Bush padre.

Uno con un simile curriculum non poteva infine non essere membro del famigerato think tank “Pnac”, quello che poco prima che Bush figlio si insediasse alla Casa Bianca sfornava “pamphlet” profetici che annunciavano come imminente una nuova “Pearl Harbor”, poi “casualmente” concretizzatasi con gli attentati dell’11 settembre.

Tanto basta per respingere al mittente il fantoccio Guaidò senza per questo idolatrare Maduro che, come ha notato correttamente l’analista Giuseppe Angiuli su “L’Intellettuale Dissidente”, ha contribuito ad indebolire fortemente l’economia del Venezuela, permettendo ai soliti pescecani di Goldam Sachs di fare affari d’oro nel Paese del petrolio e lasciando per troppo tempo la moneta locale, il bolivar, stupidamente agganciato al dollaro.

Ma di fronte alla discesa in campo di macellai in stile Abrams tutto passa in secondo piano. Se cercavano un modo per rendere Maduro meno impresentabile di quello che è, gli americani l’hanno effettivamente trovato. Congratulations mister Trump!

Toscano Francesco Maria

Autore: Francesco Maria Toscano

Francesco Maria Toscano nasce a Gioia Tauro il 28 maggio del 1979. Dopo aver conseguito la maturità classica presso il liceo N. Pizi di Palmi, si iscrive alla facoltà di legge dell’Università degli studi Alma Mater di Bologna, dove si laurea nel marzo del 2004. È avvocato dal 2007. Giornalista pubblicista, ha collaborato con “Gazzetta del Sud”. Nel 2009 ha pubblicato con “Luigi Pellegrini editore” il suo primo libro, “Capolinea”. Attento osservatore della politica italiana e internazionale, curatore di un blog molto seguito (www.ilmoralista.it), e spesso ospite di talk show televisivi. Dal luglio del 2015 al dicembre del 2016 è stato assessore alla Cultura al comune di Gioia Tauro Appassionato anche di sport, ha conseguito a Milano un Master in giornalismo televisivo diretto da Bruno Longhi. Sposato con Viviana, ha due figli.

4 Comments

  1. Guaidó, il 23 gennaio, quando almeno 6 milioni di venezuelani sono scesi sulle strade di tutto il paese, ha messo in atto la Costituzione Venezuelana, assumendo per il palese vuoto di potere, la Presidenza ad interim del paese. Quí l'unico autoeletto é il proprio Maduro, il quale dopo una grottesca farsa elettorale, a cui piú della metá del paese non ha partecipato, indetta da una ignominosa assemblea nazionale costituente, illegale e illegittima, votata solo da elettori comprati per fame, voto a cambio di pacchi di cibo, (esistono copiose testimonianze che i seggi elettorali erano deserti). Maduro ha cercato con l'annuenza di un tribunale Supremo eletto in maniera fraudolenta nella notte del 24 dicembre, di togliere la legittimitá della legittima AN, votata nel 2015 da 14 milioni di elettori, nonostante tutte le irregolaritá filo governative che erano successe visto che chi contava i voti era il CNE altro pseudo potere sottomesso alla sua dittatura.
  2. ... E intanto i giorni passano, la situazione in Venenzuela non migliora e la povera gente, il popolo, chi fa fatica comunque ad andare avanti anche con un regime stabile e un pil normale fa la fame e si avvia sempre di più alla disperazione. Come si può "giocare" così sulla pelle di milioni di esseri umani innocenti e con risorse enormi che non sono sfruttate a beneficio di tutti o sono comunque sfruttate male?
  3. In simili situazioni in fondo è sempre il popolo, soprattutto i più poveri, ad avere la peggio. I disagi per la gente comune sono enormi in Venenzuela. Si lotta quotidianamente per non morire di fame. L' uomo della strada chiede pane, medicine, indumenti per vestirsi non lotte idiologiche, battaglie insensate e guerre fratricide.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *