Thumb copia

Curare la malattia… con la salute

“Sono malato”

Nel nostro approccio occidentale convenzionale, osservo che quando c’è malattia ci si concentra solo sulla malattia.

Si pensa, si parla e si combatte la malattia quasi 24 ore su 24, con metodi che addirittura a volte aumentano il disagio, lo stato di debolezza e di intossicazione del malato.

Anche quando la malattia è localizzata solo a qualche cellula o a un organo, ci definiamo interamente ammalati, generalizziamo con “Sono malato” e non “Sto facendo l’esperienza di una malattia” oppure “Ho qualche cellula non sana”.

Contro il buio, la luce

Prendendo un po’ di distanza da questo stato d’emergenza e combattimento, mi ricordo che il buio è carenza di luce e il freddo è carenza di calore.

Quando c’è buio, per far sparire il buio non si combatte il buio, ma si cerca il suo opposto, cioè la luce. Aumentare la luce fa “naturalmente” sparire il buio. Quando fa freddo idem: cerco di aumentare il suo opposto, cioè il calore e “naturalmente” si allontana il freddo.

Non sembrerebbe folle e inadeguata la lotta di una persona che combatte il buio concentrandosi sul buio, arrabbiandosi contro il buio, sviluppando terrore e disperazione?

La malattia è carenza di salute

La malattia è carenza di salute. Se la malattia si presenta nella nostra vita è qui per segnalarci che la nostra vita (o parte della nostra vita) manca di salute (fisica, emozionale, sociale, mentale, spirituale…).

Allora troviamo i modi per accogliere il segnale, prendere tutte le informazioni che ci porta e agire per aumentare la salute nella nostra vita!

Di Sophie Ott, medico, esperta di medicine complementari (biopsicogenealogia: metodo per capire la radice delle malattie, terapie energetiche: Medicina Cinese, medicina universale del Dott. Butto,…) e formata a diverse tecniche di sviluppo personale, psicoterapia e comunicazione. Vive dal 2002 in Italia. Per Uno editori è autrice di Supera una diagnosi da paura

Potrebbe interessarti anche:

Costellazioni famigliari: esercizi per fare pace col passato e vivere felici

Autore: Stefania FarolfiStefania Farolfi, naturopata e life coach, collaboratrice del Dott. Andrea Penna, autore di “Ti permetto di far parte di me“.Gli articoli dell’autore (5)

Farolfi Stefania

Autore: Stefania Farolfi

Stefania Farolfi, naturopata e life coach, collaboratrice del Dott. Andrea Penna, autore di “Ti permetto di far parte di me“.

Crescita spirituale: se siamo sulla strada giusta quali sintomi abbiamo?

Autore: Marcello MondelloMarcello Mondello: scrittore, motivatore, conferenziere spirituale, ricercatore indipendente, social media manager presso il movimento Incitement Italy ed event manager. Amante della lettura sin da ragazzo si è poi imbarcato appassionatamente per un viaggio nel campo della spiritualità e dell’arricchimento interiore. Ha dato vita nel 2014 ad un primo romanzo iniziatico; L’ultimo degli Osim,…

Mondello Marcello

Autore: Marcello Mondello

Marcello Mondello: scrittore, motivatore, conferenziere spirituale, ricercatore indipendente, social media manager presso il movimento Incitement Italy ed event manager. Amante della lettura sin da ragazzo si è poi imbarcato appassionatamente per un viaggio nel campo della spiritualità e dell’arricchimento interiore. Ha dato vita nel 2014 ad un primo romanzo iniziatico; L’ultimo degli Osim, un’avventura per il risveglio interiore. Nell’anno successivo esce Il viaggio di Shatrevar, il romanzo per la realizzazione del Sé. Nel 2017 esce insieme ad altri autori il libro Storie di Ordinario Risveglio (Uno Editori), raccontando il proprio risveglio e il miracolo della trasformazione nella vita.

Ho’oponopono: la pratica per liberarsi dalle paure e per ripulire i ricordi

Autore: SaYa SaYa è lo pseudonimo di Sandro Flora e Silvia Paola Mussini, ottenuto con le lettere iniziali di Sandro e con quelle finali di Silvia. In lingua giapponese Saya è il fodero della spada, uno strumento che protegge e che accoglie. Siamo ricercatori autonomi, i primi ad aver diffuso Ho’oponopono in Italia. La nostra…

SaYa

Autore: SaYa

SaYa è lo pseudonimo di Sandro Flora e Silvia Paola Mussini, ottenuto con le lettere iniziali di Sandro e con quelle finali di Silvia. In lingua giapponese Saya è il fodero della spada, uno strumento che protegge e che accoglie. Siamo ricercatori autonomi, i primi ad aver diffuso Ho’oponopono in Italia. La nostra predisposizione nella via di Ho’oponopono è rivolta alle energie della natura e a Ho’oponopono nella vita di coppia. Creatori del sito web www.108grani.com, nato per condividere la nostra abitudine di usare la Mala per la recita del mantra Ho'oponopono "Ti Amo, mi Dispiace, Perdonami, Grazie". La nostra attività è prevalentemente online con la produzione di ebook digitali, meditazioni guidate in audio mp3, ma anche dal vivo con webinar, seminari e incontri.

Ott Sophie

Autore: Sophie Ott

Medico francese, la Dott.ssa Sophie Ott è esperta di medicine complementari (biopsicogenealogia: metodo per capire la radice delle malattie, terapie energetiche: Medicina Cinese, medicina universale del Dott. Butto,…) e formata a diverse tecniche di sviluppo personale, psicoterapia e comunicazione. Vive dal 2002 in Italia. Dal 2003 conduce seminari per aiutare le persone a guadagnare autonomia nel salvaguardare e ripristinare la propria salute.

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Attenzione: questo contenuto è protetto!!