Schermata 2019-03-04 alle 10.45.17

È davvero possibile smettere di fumare con l’aiuto di un libro?

Un libro per liberarsi dalla sigaretta, può funzionare?

È davvero possibile smettere di fumare con l’aiuto di un libro? Non è un modo superficiale di affrontare la questione?

Queste sono alcune delle domande più frequenti de fumatori… Questo è anche l’interrogativo che pose qualche anno fa l’uscita sul mercato del libro di Allen Carr,è facile smettere di fumare se sai come farlo, divenuto, nonostante le critiche e le perplessità non solo della comunità scientifica ma anche di qualche ex fumatore, un punto di riferimento nel settore, con tanto di seminari di diffusione del metodo introdotto dall’autore, noto come EasyWay.

Il successo di pubblico dell’edizione italiana non poté non richiamare l’attenzione degli esperti di tabagismo del nostro paese, che proprio negli anni di poco precedenti l’uscita del libro si erano battuti affinché la sigaretta venisse riconosciuta come una dipendenza a tutti gli effetti, da trattare secondo protocolli affidabili e ampiamente sperimentati. Poteva un libro competere con anni di studi medici?

 

Smettere di fumare: una conquista, non una rinuncia

Da ricerche condotte sul campo, emerse che l’aspetto più efficace del metodo di Carr era quello motivazionale, cioè la grande capacità dell’autore di riuscire a indurre nel lettore un cambiamento di punto di vista senza creare allarmismi o terrorismo psicologico, ma smantellando le false convinzioni che il fumatore, in maniera più o meno consapevole, costruisce intorno alla sigaretta e facendolo riflettere su quanto sia più piacevole la vita senza fumo.

In questa nuova prospettiva, smettere di fumare non viene più percepito come una rinuncia, ma anzi, come una conquista: quella della propria libertà personale rispetto alla sigaretta. Una volta raggiunto questo stadio di consapevolezza, smettere di fumare non è più una grande fatica, ma una scelta relativamente semplice, che avviene senza ingrassare e senza tutti gli altri effetti collaterali tanto temuti dai fumatori.

In quanto ex fumatore, le parole di Carr, semplici, dirette, poco confezionate, vengono percepite come autentiche dai lettori, che lo considerano “uno di loro”. Questo aspetto colpì gli esperti di tabagismo più attenti alle modalità di comunicazione con i pazienti, costringendoli a riflettere sul divario con il modo di porsi ormai diffusosi tra gli operatori del settore. Tra gli ex fumatori che avevano letto il libro di Carr, molti però non condividevano proprio un punto cruciale del metodo EasyWay: il fatto che la forza di volontà non fosse ritenuta necessaria.

 Adesso puoi smettere di fumare davvero

Come approcciare quindi la questione del fumo? Come spiegare questa divergenza tra Carr e gli stessi ex fumatori, cosa fare di tutte le ricerche scientifiche sul tema, che nel frattempo si sono moltiplicate?

Questi sono stati tutti aspetti che ho personalmente trattato e approfondito in Adesso puoi smettere di fumare, ha tenuto conto di anni in oltre 10 anni di esperienza in un centro anti-fumo in cui, come scoprirai leggendo il libro, ho incontrato una casistica molto varia di fumatori.

Ciascuno di loro mi ha insegnato qualcosa sui meccanismi della dipendenza, così come indispensabile è stato il supporto proveniente dalle ricerche scientifiche sull’argomento, insieme alle competenze di coaching. Non a caso la gestazione del libro è stata parecchio lunga, e dopo essere stato ultimato, il libro è stato sottoposto alla lettura di un gruppo formato da ex fumatori, fumatori e “addetti ai lavori”.

Il passo in più di questo libro per smettere

Il libro mantiene dunque un taglio motivazionale e un approccio diretto, senza mezzi termini.

La centralità dell’aspetto psicologico, degli schemi di pensiero in cui la mente del fumatore viene ingabbiata e che propongo di scardinare  è evidente, ma allo stesso tempo, chi vorrà approfondire, troverà anche pagine dedicate alle manifestazioni fisiche della dipendenza e all’interazione tra i due aspetti.

Adesso Puoi Smettere di Fumare! ha valore aggiunto, rispetto a quello di Carr, di mantenere il focus sulla psicologia del fumatore senza però dimenticare il più ampio contesto medico, sociale ed economico in cui si inserisce il fenomeno del fumo. Ciò ne fa un valido supporto per accompagnare altri metodi, potenziandone l’efficacia.

Allo stesso tempo, l’esperienza approfondita sul campo, come indicato dalle numerose testimonianze sparse lungo il testo, mi ha consentito di poter conoscere nel dettaglio gli schemi di pensiero del fumatore e imparare dunque che per smettere di fumare occorrono una combinazione di fattori che non escludono la validità del pensiero di Allen Carr ma la ampliano, la perfezionano e danno struttura.

Se hai già letto dei libri, ma fumi ancora…

Carr ha scritto un bel libro che punta sulla modifica delle convinzioni di base sulla sigaretta, e punta sull’orgoglio del fumatore creando un’alleanza per familiarità tra fumatori. Ma non è bastato per far smettere di fumare moltissimi che lo hanno letto e riportarli allo stato di non-fumatore. Per questo serve una struttura che dia un risultato al lettore, e in questo libro ho unito tutti i punti affinché chi fuma riesca a liberarsi dalla sigaretta.

Cosa trovi nel libro?

• La prima parte è incentrata, come nel libro di Allen Carr a aiutare il lettore a modificare le convinzioni circa lo smettere: anche tu puoi, e non è così per dire.

• In seguito vi è una maggiore Consapevolezza di sé e del contesto. Per poter essere efficace nel tempo, infatti, un percorso di liberazione dalla sigaretta deve contare su una serie di fattori, primo fra tutti la Motivazione, che si traduce in un impegno quotidiano per migliorare la qualità della propria vita, tenendo bene a mente in cosa e in che termini si può migliorare, la (ri)scoperta della propria passione, dello slancio verso un obiettivo, un fine.

• Bisogna ricordare un semplice dato di fatto:

dove c’è una dipendenza cessa la volontà.

Quindi si apre uno scenario importante sulla Motivazione e sull’impegno successivo da attuare nelle strategie trasformazionali in modo tale da sostenere chi fuma a liberarsi dalla sigaretta grazie ad una ristrutturazione molto più profonda: da fumatore a non-fumatore.

• Dopo queste due fasi nel libro trovi l’Azione e il Ricondizionamento necessari per consolidare il cambiamento.

Mi propongo di andare oltre la questione “sigaretta”: per questo il libro è un valido compagno di viaggio per chi voglia non solo conquistare la libertà dalla sigaretta, ma in generale intraprendere un percorso di crescita personale che a partire dal superamento di una dipendenza lo porti ad essere una persona più libera, consapevole e serena.

Leggere per credere 🙂

 

Petrella Giuseppe

Autore: Giuseppe Petrella

Giuseppe Petrella, è un performance coach. Da sedici anni opera nell’ambito della crescita personale. Con uno sguardo sempre attento alle più innovative metodologie del miglioramento, della comunicazione efficace e del coaching, si occupa di aiutare persone e aziende a far emergere le proprie capacità e abilità, svilupparle e realizzare concretamente i propri obiettivi personali e professionali. Oggi tiene corsi, eventi e incontri per aziende, gruppi e singoli professionisti in tutta Italia.

1 Comment

  1. La volontà è molto importante in ogni cosa che si vuole fare e in ogni percorso che si vuole intraprendere. La forza di volontà soprattutto può fare grandi cose addirittura "smuovere le montagne e prosciugare i fiumi." I consigli o il metodo contenuti in un libro possono far smettere di fumare senza effetti collaterali? Mi auguro di sì. Il fatto stesso di leggere, la lettura in sè è importante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *