votaok

Giovanni Vota: la sincronicità e i messaggi del corpo

«Rendi cosciente l’inconscio,
altrimenti sarà l’inconscio a guidare la tua vita
e tu lo chiamerai destino».
Carl Gustav Jung

Dolore fisico: un messaggio del corpo

Alcune persone hanno dei dolori fisici cronici: possono sorgere in ogni momento della giornata, magari durante il lavoro, spesso come rilascio di emozioni o insorgere di memorie di vite passate.

Allora, ogni situazione di dolore, di disagio, ha sempre una ragione, una motivazione, un messaggio per noi.

Questo lo dimostra anche la fisica quantistica che ci dice che tutto è energia, tutto è materia e tutto è informazione: e se se tutto è informazione vuol dire che anche il dolore contiene un messaggio per noi.

Sincronicità: nulla accade per caso

Abbiamo visto che nulla accade per caso, ma è sincronico.

Facciamo un esempio.  Se dico a qualcuno: «Immagina di vedere tuo nonno»… Si potrebbe dire: ma allora mi sto inventando tutto? Bene, anche sul concetto di inventare c’è da fare una precisazione.

È legge universale il principio di sincronicità, che è stato definito da Carl Gustav Jung, partendo dalle equazioni di Schrödinger.

L’equazione di Schrödinger della fisica quantistica dice che abbiamo in ogni istante davanti a noi infinite possibilità, fino a che tra quelle infinite ne scegliamo una. In base a che cosa? 

In base a ciò che pensiamo, a ciò che proviamo e a ciò che crediamo, interagendo con tutto e tutti nell’universo, quindi non c’è mai una struttura che sia isolata o isolabile dal resto.

Allora se chiedo a una persona: «Dimmi la prima cosa che ti viene in mente, inventa qualcosa, dimmi qualcosa»… bene quella cosa che lei mi andrà a dire non è casuale, ma è sincronica, precisamente sincronica, con ciò che lei pensa, con ciò che lei prova, con ciò che lei crede nell’interazione di tutto e tutti, e si può andare a verificare che qualsiasi cosa lei dica c’è una precisa correlazione con tutto questo.

Nel momento in cui noi diciamo a una persona «Immagina tuo nonno, e dimmi com’è, come ti si presenta»… quell’immagine che lei vede e descrive non è casuale, è sincronica con i suoi processi mentali, ed essendo connessa con il Campo quantico di Infinito amore e Infinita intelligenza, ciò che lei vede e descrive è sincronico con tutto questo e quindi non è casuale.

 

Nel dolore c’è un messaggio per noi

Jasmuheen

Se è sincronico, vuol dire che ha un messaggio per noi: se vedo una pietra azzurra, non è casuale, ha un’informazione che è per noi. A maggior ragione se abbiamo qualche disturbo.

La Jasmuheen insegna che possiamo chiedere, a fronte di un dolore, di una situazione difficile, di disagio, di dare un comando: «Dammi l’insegnamento e dammi il dono».

Perché, a fronte di una situazione dolorosa e difficile, c’è sempre un messaggio, che è qualcosa che dobbiamo capire e imparare. E quando abbiamo compreso il messaggio, c’è un dono, che è conseguenza di tutto quello.

Allora in una situazione così, per abbreviare il processo di sofferenza possiamo proprio dire: «Dammi l’insegnamento e dammi il dono».

 

Connessi all’eterno presente

Questo è particolarmente efficace proprio mentre facciamo il lavoro e siamo nell’Eterno presente, connessi al Campo quantico di Infinito amore e Infinita intelligenza, e quindi connessi a tutte le informazioni.

Se per esempio la persona dice «Sento un peso al cuore», allora le diciamo: «Porta la tua attenzione a quel peso e dimmi cosa vedi o senti o percepisci».
Magari può dire: «Mah, vedo come una pietra, un masso, pesante e nero nel cuore».

Noi le possiamo chiedere: «Chiedi a quel masso: che cos’è? Che messaggio ha per te?».
Quando siamo in questo stato di connessione, tutto, ma proprio tutto, lo possiamo vedere, pensare e trattare come fosse un essere dotato di Intelligenza e coscienza. Fosse una pietra, un animale, qualunque cosa.

Quindi possiamo dirle: «Chiedi a quel masso: che messaggio hai per me? Come mai sei lì? Che cosa stai facendo per me?».

Un’altra cosa importante da capire è che qualunque cosa succeda è per il nostro massimo bene. Qualunque. Non è detto che sia per la nostra massima gioia, perché un dolore non ci dà gioia, ma sicuramente è lì perché ci vuole aiutare: sta facendo qualcosa per noi, e si tratta di capire che cosa…

 

Il “Gioco” è uno solo:

Essere connessi al Campo quantico
di InfInIto amore e InfInIta IntellIgenza.

Essere connessi alla nostra essenza, alla dIvIna madre.

Vivere nell’amore e nella gratItudIne.
Vivere fuori dalle Paure e dai Sensi di colpa.

Induzione di pulizia delle cellule 

Terminiamo questo articolo sulle problematiche fisiche con questa induzione che può essere di grande giovamento per chi si sottopone a cure mediche intense.

Sono necessari 2 attori per questo processo: il coach, ovvero chi sta operando, e il coachee, ovvero chi sta ricevendo il servizio.

La prima parte “Eterno presente – Regno dello spirito” e l’ultima “Fine lavoro” sono sempre le stesse. La parte centrale varia in base all’induzione.

1° Parte: connessione al regno dello spirito

– Chiudi gli occhi e fai un profondo respiro.
Fai un secondo, profondo respiro.
E senti il relax che parte dalla tua testa, e scende giù sulla fronte, giù sulle tue palpebre, il relax scende giù lungo le tue guance, il tuo collo…
Scende giù, lungo il tuo collo, le tue spalle, le tue spalle sono morbide rilassate, il tuo relax scende giù lungo le tue braccia, dentro i gomiti, giù fino alla punta delle dita delle tue mani. Il relax scende giù lungo la tua schiena, giù lungo le tue an- che, le tue gambe, giù fino alle punte delle dita dei tuoi piedi. E mentre sei così rilassato, vorrei che tu portassi la tua atten- zione nel sole che c’è nel tuo cuore.
Porta l’attenzione al tuo cuore, dove c’è un sole e mille raggi che raggiungono ogni organo e ogni cellula del tuo corpo e tu sei uno o una con la tua essenza divina in te.
E mentre sei Uno o Una con la presenza divina in te, vorrei che tu immaginassi di attraversare il portale delle infinite possibilità e sei nell’Eterno presente che è il Regno dello spirito, che è un posto che tu conosci ed è il posto dove si in- contrano le anime.
È un posto che tu conosci.

 

2° Parte: intento di pulizia delle cellule

– Ora vorrei che tu immaginassi un Angelo che ti mette una flebo di Amore incondizionato.
Questa flebo entra in te.
E raggiunge ogni organo e ogni cellula del tuo corpo.

E tutto dove c’è nero, grigio, sporco, sostanze che non sono per il tuo massimo bene e salute, ogni emozione depotenziante, tutto questo viene preso e portato via dal flusso di energia di Amore incondizionato e sostituito con energia di puro Amore Incondizionato e benessere.

E osserva il processo continuare senza sosta.
E lascia che continui per tutto il tempo necessario.

 

3° Parte: fine lavoro

– E tutto questo viene integrato in ogni lingua conosciuta e sconosciuta, nel modo migliore e supremo e per massimo: bene, gioia, benessere psico-fisico, salute, abbondanza, ricchezza e libertà finanziaria, piacere, godimento, sviluppo spirituale, sapere e conoscenza, nel tempo giusto, e nessuno si prende vantaggi su di te e sei amata/o, stimata/o, considerata/o e rispettata/o, in stato di veglia, di sonno e di sogno. Ringrazia tutti gli Spiriti, le Guide, gli Angeli, le Maestre, i Maestri, gli Animali di Potere, il Sé Superiore, l’Anima Cuore, l’Una Uno, l’Essenza Divina, la Divina Madre, le Fate e te stessa/o per questo lavoro.

Metti una Scintilla Divina di Amore, Gratitudine, Perdono e Guarigione in te stessa/o, in ogni persona, spirito e in ogni situazione con cui hai interagito.

E ora io conterò da 10 a 1 e quando arrivo a 1 sarai in perfetta armonia con te stessa/o, il tuo corpo e l’ambiente circostante, e sarai nel qui e ora:

10, 9… muovi i piedi e le gambe, 8, 7… muovi le braccia e le mani, 6, 5… stirati,
4, 3… fai un profondo respiro,

2, 1… apri gli occhi e ben tornato…

_______________________

Come possiamo accrescere e sviluppare il nostro benessere? Cosa dicono al riguardo la scienza e la spiritualità? Giovanni Vota ti spiega in questo video i  4 componenti del nostro benessere fisico e come lavorare su ciascuno di essi per migliorarlo ogni giorno. 👇

Questo articolo di Giovanni Vota è tratto dal libro Spiritual quantum regression

Vota Giovanni

Autore: Giovanni Vota

Giovanni Vota (1958), torinese, ingegnere elettronico e informatico, imprenditore, è stato funzionario scientifico al Politecnico di Torino, sistemista in IBM, dirigente in diverse aziende in Italia e negli USA. E’ diplomato in “Past Life Regression Therapy” con Brian Weiss a New York, e in “Regression Therapy” con Andy Tomlinson a Londra. Si occupa di fisica quantistica e fisica unificata. Spiritual Quantum Coach, ipnotista spirituale, Spiritual Quantum Regression, conferenziere, docente e autore di varie pubblicazioni scientifiche e spirituali tra le quali i libri: “Spiritual Quantum Coaching”, Ed. Lindau, 2014; “L’azienda Quantica. Come creare e gestire olisticamente un’azienda di successo”, Ed. Arte di Essere, 2015; Vota, Gollin “Progettare l’allenamento sportivo”, Ed. Cortina, 2004 – www.giovannivota.com

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    error: Attenzione: questo contenuto è protetto!!