habitat felice

I segreti dell’habitat felice. Il metodo delle 3s, dal feng shui alla bioarchittettura

Giuseppe Salamone, ingegnere olistico, autore del libro “I segreti dell’habitat felice”, intervistato dalla redazione… È  un libro che fa luce sul feng shui e sulla bioarchitettura per vivere in armonia, riducendo il proprio stress quotidiano.

Ciao Giuseppe, ecco la prima domanda: cosa dobbiamo aspettarci leggendo il libro “I segreti dell’habitat felice”?

Innanzi tutto grazie per questa intervista.

I Segreti dell’Habitat Felice, oltre a essere la mia prima opera,  rappresenta un po’ la sintesi di anni di studi e di ricerche svolte nell’ambito dell’architettura e dell’ingegneria, mosso soprattutto da una domanda che mi accompagna da anni:

cos’è che aiuta le persone a essere felici?

Questa ricerca mi ha spesso portato al di fuori dei classici percorsi dell’ingegneria e dell’architettura, che ho battuto per oltre vent’anni, e alla fine, ho trovato la risposta nell’abitare consapevole, seguendo i principi dell’architettura Feng Shui e dell’ingegneria olistica.

 

Ti ho presentato proprio come un ingegnere olistico e tu stai facendo riferimento all’ingegneria olistica. Ci spieghi meglio che cos’è?

Il principio alla base della ingegneria olistica è che tutto ciò che ci circonda ha un impatto sulle nostre vite. Noi possiamo sfruttare questa connessione per migliorarle partendo dai nostri spazi di vita e di lavoro.

L’obiettivo della progettazione olistica è quello di adattare questi principi al vivere quotidiano per migliorare la qualità di vita delle persone nell’ambiente domestico, negli ambienti di lavoro e in quelli destinati alla socialità.

Sembra un po’ una contraddizione mettere insieme l’ingegneria, ovvero una materia ad alta specializzazione, e quindi tutt’altro che olistica, con il concetto di “olistico”, e quindi di totale, globale.

Ho preso in prestito questo termine dalla medicina, rapportandolo poi al mondo dell’architettura e dell’ingegneria.

Ritengo, infatti, che non si possa più pensare all’ambiente costruito come alla somma di tanti elementi separati, quali strutture, impianti, arredi, materiali e finiture, ma come un tutt’uno che vibra con l’energia delle persone, che questo ambiente lo vivono e lo frequentano.

 

Quando si sceglie una casa, oppure la si arreda o la si ristruttura, quali sono gli elementi fondamentali a cui dobbiamo pensare?

 

Negli anni ho cercato di sintetizzare le mie esperienze in un metodo fondato sulle 3s dell’abitare consapevole: Sicurezza, Salute e Serenità dell’habitat.

Ho chiamato questo metodo Habitat Felice perché ritengo che la felicità sia alla base del nostro benessere e tutti ne abbiamo diritto.

 

Puoi anticiparci qualcosa sulle 3 S del Metodo Habitat Felice?

Certamente…

La Sicurezza rappresenta il primo pilastro, in quanto ha a che vedere con la salvaguardia della vita umana; è fondamentale partire sempre da questa domanda: quanto è sicura la mia casa?

Il secondo pilastro, la Salute, ha a che vedere con il proprio stato fisico. Esistono fattori fisici, chimici e biologici che, se non controllati, possono avere un forte impatto sulle nostre vite, influenzando negativamente la nostra salute: allergie e bronchiti dovute a livelli di temperatura e umidità non corretti, cefalee da rumore eccessivo o disturbi dovuti ai campi elettromagnetici. Fra questi esistono addirittura fattori riconosciuti come cancerogeni dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Nel mio libro spiego approfonditamente come prevenire i rischi più comuni, sia in fase progettuale, sia con consigli pratici, senza necessariamente dover intraprendere dei lavori.

Ma questo non è sufficiente ed è qui che ci viene in soccorso la terza S del mio metodo: la Serenità dell’habitat.

La serenità infatti va oltre quegli aspetti più tecnici, scientifici e misurabili, seguendo invece aspetti più percettivi ed energetici.

Un habitat sereno è quello in cui l’energia fluisce armoniosamente, in un equilibrio di forme, colori, suoni e materiali, generando benessere per chi lo vive. Possiamo ritrovare l’armonia attraverso i consigli del Feng shui (la disciplina orientale del Vento e dell’Acqua).

Noi siamo energia, siamo vibrazioni ed è importante capire cosa ci fa star bene per creare il nostro ambiente ideale e favorire il raggiungimento dei nostri desideri più profondi.

 

Nel libro spieghi tutto questo in modo assolutamente dettagliato e ci presenti anche altri elementi importanti per vivere in un “habitat felice”…

Sì, è vero, esistono altri pilastri, più trasversali, come per esempio le Sinergie.

È importante, infatti, condividere le nostre scelte con le persone care intorno a noi, con le quali condividiamo gli spazi di vita e di lavoro.

Inoltre, è fondamentale appoggiarsi ai giusti professionisti e affidare i lavori a imprese qualificate, capaci di agevolare questo processo.

Per riuscire in questo risulta indispensabile comunicare in modo efficace con le persone e tenere una leadership; dove per leadership non si intende solo guidare gli altri, ma guidare prima di tutto noi stessi verso i nostri obiettivi.

 

Per chi stesse  in questo momento  iniziando a cercare magari degli arredi per la propria casa o per il proprio ufficio, qual è il consiglio che ti sentiresti di dare?

 

Sicuramente per quanto riguarda gli arredi dobbiamo sempre operare delle scelte proporzionate allo spazio che abbiamo.

Nel libro lo spiego in maniera specifica: il nostro spazio deve essere il più possibile libero da “cose”.

Più lo spazio è libero più l’energia circola in maniera armoniosa, riflettendosi positivamente sul nostro benessere.

Secondo il principio base dell’ingegneria olistica tutto ciò che ci circonda fa da specchio al nostro mondo interiore.

Gli spazi congestionati e spigolosi tenderanno a rendere anche le nostre vite congestionate e spigolose.

Quindi due consigli fondamentali che voglio dare ai nostri lettori sono questi:

  1. impiegare arredi che facilitino la circolazione dell’energia all’interno della casa;
  2. scegliere materiali che abbiano un basso impatto ambientale quindi materiali certificati, privi di sostanze nocive come la formaldeide e altre sostanze tossiche, che spesso si nascondono dietro arredi a basso costo (soprattutto nelle vernici).

Progetti per il futuro?

Sto già lavorando al mio secondo libro, che riguarderà I principi dell’Ingegneria Olistica applicati alla sfera del Business. I segreti dell’habitat felice anche per il Business.

Si andrà a parlare dei principi del Feng Shui in ambito professionale, per aumentare profitto e  armonia.

Pensa che, secondo alcuni studi americani, un ambiente ben organizzato  migliora almeno del 15% la produttività delle persone che vi lavorano : questo significa che in 7 ore riusciamo a fare quello che normalmente faremmo in 8 ore.

Possiamo sfruttare questo tempo prezioso per altre attività come fare una passeggiata, leggere un libro o per trascorrere del tempo con le persone care. Questo migliorerà il nostro umore, il nostro benessere e la qualità della vita per noi e i nostri cari.

Grazie Giuseppe

Grazie a voi.

 

NdR. Un libro assolutamente da leggere e da meditare. Se vuoi scoprire quanto sei felice nella tua casa, clicca qui!

 

Salamone Giuseppe

Autore: Giuseppe Salamone

Ingegnere Olistico. Laureato nel 1997 in Ingegneria Civile, si occupa da anni di progettazione in materia di Ingegneria, Architettura e Real Estate. Ha maturato esperienze negli ambiti più ampi della progettazione integrata, della direzione lavori, della sicurezza cantieri e nel campo immobiliare. Specializzato nel benessere abitativo, nella salute dell'habitat, in bioarchitettura per strutture in legno e costruzioni in canapa e calce. Docente dell'Accademia Italiana di Architettura Feng Shui, tiene corsi di formazione, seminari e conferenze in Italia e all’estero in materia di Ingegneria Olistica e sostenibilità. Ideatore di Casainarmonia.com: uno stile di vita che prima di tutto è uno stile di abitare.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    error: Attenzione: questo contenuto è protetto!!