Schermata 2020-12-14 alle 15.35.54

Il rock e programmi TV: Rivoluzione… o Carnevale?

X Factor, il ritorno del rock’n’roll?

Roger Daltrey

Vale certamente la pena dedicare qualche nostra attenzione al florilegio estatico che ha seguito l’esibizione canora di Manuel Agnelli, leader della band Afterhours, in occasione della puntata conclusiva di X Factor.

Il quotidiano online Repubblica.it riportava a sostegno di cotanta eccitazione alcune affermazioni da parte del musicista e produttore milanese di questo tenore:

“Autentici e rivoluzionari, così abbiamo ribaltato X Factor a colpi di rock’n’roll”

e ancora,

“Combatto la battaglia per quei valori che il rock’n’roll rappresentava e che oggi non ci sono più”.

Di fronte a queste sobrie parole ci verrebbe da rispolverare quel Bertrand Russell che metteva in guardia di fronte ai due tipi di morale che dominano nella società moderna, “una che predichiamo, ma non pratichiamo e un’altra che pratichiamo, ma di rado predichiamo”…

Manuel Agnelli: rivoluzione vs carnevale

In effetti immaginare anche solo per un momento che assistere ad un tizio che canta in televisione a torso nudo mentre fa volteggiare un microfono sia una esperienza “rivoluzionaria” dovrebbe strapparci un sorriso sconsolato.

L’effetto, semmai, è quello di partecipare ad una carnevalata in cui si scimmiottano, in maniera decontestualizzata, azioni, scelte estetiche abbondantemente praticate dal rock “storico”, quando quella musica aveva la capacità e la volontà di incidere davvero sulla società.

Non è certo questo il  caso di Agnelli che gioca a interpretare Iggy Pop o Roger Daltrey degli Who nella inconsapevolezza del pubblico televisivo anestetizzato e senza memoria, ma potremmo quantomeno citare tra gli altri casi recenti la pantomima sanremese di Achille Lauro, talmente trasgressivo da travestirsi da David Bowie con qualche decennio di ritardo.

La domanda che dobbiamo farci di fronte a queste esibizioni, però, è un’altra e di natura più profonda: perché si ha così cura di spacciare le proprie carnevalate per atti trasgressivi e rivoluzionari?

La musica oggi, il pensiero unico e la provocazione

La spiegazione sta nel fatto che il mondo della musica si muove oggi, né più né meno, come le dinamiche della narrazione del Pensiero Unico, capace di interpretare contemporaneamente una parte e il suo opposto, dunque mentre si svuota totalmente il rock di qualsiasi reale intento di shock o provocazione, si vuole insistere ad usare tali categorie descrittive.

Si mantiene una superficie, un vestito, apparentemente trasgressivo per generare un meccanismo di falsificazione: l’ascoltatore ascolta – reiterato in suoni e in parole – il verbo della narrazione egemonica e però si illude di assistere ad una deviazione, ad una trasgressione, appunto.

Quella del conformismo profondo spacciato per trasgressione è un cortocircuito del quale mi sono abbondantemente occupato in “La Musica e i suoi Nemici”, analizzando in maniera approfondita generi musicali come Trap e Indie, ed è un meccanismo da cui guardarsi con attenzione.

Se si ricerca qualcosa di rivoluzionario si stia lontani dai talent show, che non fanno altro che raccontarci un’altra volta il mondo sotto la prospettiva di coloro che “trasgressioni” e “rivoluzioni” farebbero di tutto per impedirle…

Cresti Antonello

Autore: Antonello Cresti

Antonello Cresti: è saggista, conferenziere ed agitatore culturale. Si è laureato con lode in Scienze dello Spettacolo presso l'Università di Firenze. Ha iniziato la sua attività artistica come musicista, animando vari progetti e producendo numerosi album. Ha già pubblicato undici libri, usciti con varie case editrici, dedicati a musica underground, cultura britannica, esoterismo, controcultura. E' ideatore di un film e di un documentario, entrambi a tematica musicale. E' fondatore della Convenzione degli Indocili, una rete trasversale di intellettuali e creativi che operino in opposizione al Pensiero Unico.

2 Comments

  1. Avatar
    da anni ho lasciato ai polli il loro mangime Ogm. Sono andato lontano nel tempo, dal 1800 in giù e artisti sconosciuti e etnici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Attenzione: questo contenuto è protetto!!