origine karmica del sintomo

L’origine karmica del sintomo: dalla consapevolezza alla guarigione

La malattia ha uno scopo

Qualcuno si è mai chiesto qual è il vero scopo, la vera utilità, della malattia?

Il compito essenziale della malattia è quello di spingere la persona nella sua totale integrità alla guarigione, ma per farlo ha bisogno di darci alcuni campanelli d’allarme: i sintomi.

Soffermandoci sull’etimologia, la parola “sintomo” di per sé significa “accidente”, ma anche “accadere”, “cadere”, dunque il cadere in una situazione e trovarvisi bloccati.

La comparsa di un sintomo ha lo scopo di porsi come una sorta di campanello d’allarme, come se il nostro corpo cercasse di darci un messaggio utilizzando un suo particolare codice fatto di acciacchi o malanni.

È questo il suo unico mezzo di far sentire la sua voce per faci sapere se c’è qualcosa di squilibrato e per parlare direttamente alla nostra totalità.

 

L’origine karmica del sintomo

Quando compare inspiegabilmente un sintomo è pratica comune soffermarsi solo sull’aspetto emozionale o su quello fisico allo scopo di far sparire il dolore che provoca, ma in questo modo ciò che si è ottiene è il mantenimento dello squilibrio denunciato da quel segnale.

L’essere umano è un’unità somatopsichica integrale, ovvero un insieme di elementi coordinati tra loro in modo da formare un’unica unità complessa, ed è per questa ragione che ogni singola manifestazione della malattia ha l’obiettivo di focalizzare l’attenzione sul ristabilimento dell’equilibrio perduto.

Ed è a tal proposito che alcune malattie possono essere di origine karmica.

 

Le influenze del passato

L’unità somatopsichica interessa il corpo nella sua piena totalità, ma non solo: racchiude in sé anche tutte quelle reminiscenze del passato, forse dimenticate, che necessitano di essere riequilibrate.

Da un punto di vista eterico, tutte queste influenze possono essere il risultato di ascendenti provenienti dal campo energetico familiare o personale del soggetto, e quindi la loro origine va ricercata direttamente nei consanguinei presenti e antecedenti, come nonni, bisnonni, trisnonni.

Abbiamo un’alleata la cui funzione è quella di agire da filtro per queste reminiscenze passate: la nostra coscienza personale.

La coscienza personale

Questa agisce come una sorta di dogana il cui lavoro è quello di far passare o meno alcune forze con il solo scopo di portarci alla guarigione.

La guarigione, la vera guarigione, avvieni quindi con la coscienza di ciò che ci accade.

Per renderci conto dell’importanza che questa gioca nel nostro benessere, diamo uno sguardo agli atleti paralimpici e agli incredibili risultati che riescono a riportare. Il corpo può essere malato e porsi come un ostacolo, ma è la coscienza a fare la differenza e superare ogni freno posto dalla malattia.

Guarire è entrare in relazione totale e armonica con se stessi indipendentemente da come si presenta il corpo.

 

La-natura-karmica-della-malattiaLa consapevolezza della malattia porta alla guarigione

La natura karmica della malattia svolge questo compito.

Il nostro compito è invece quello di ritrovare l’integrità nella nostra coscienza, e per poter compiere questo compito è necessario imparare a riconoscere il significato nascosto dietro ai segnali e i sintomi.

Raggiungere la consapevolezza della malattia è il primo passo che porterà, passando attraverso coscienza e integrità, alla guarigione.

Un articolo di Sergio Audasso

Autore: Sergio Audasso

Formatore, Health e Life Coach. Ricercatore scien­tifico. È esperto delle basi neu­rali dei processi decisionali. Si occupa di “effetto Noce­bo” nonché del potere della parola e dei pensieri sulle emozioni, sugli organi e sugli apparati. Ha elaborato una tecnica breve di cancellazione dei pensieri sabotanti e di Coach Risolutivo dal nome f.i.t. Method (Fast Insight Tratment) – Certificata a norma internazionale. Partecipa a gruppi di ricerca scientifica sulle neuroscienze comportamentali e sociali. È docente per la formazione continua in medicina (ecm) per il personale sanitario. Personalmente si interessa della scienza dello Spirito, di esoterismo e percorsi spirituali. Conoscitore della filosofia vedica, teosofica e antroposofica, unisce le sue competenze scientifiche – neuroscienze, psiconeuroendocrinoimmunologia e quantistica - agli insegnamenti antichi per ricercare, utilizzare e diffondere i codici di guarigione e del benessere. Autore di numerose pubblicazioni. Per Uno Editori è autore di “Psicosofia Karmica” e “Neuro Quantica Evolutiva.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Main Menu

error: Attenzione: questo contenuto è protetto!!