Thumb copia 4

Mauro Biglino: la Bibbia non parla di Dio

La Bibbia parla di Dio?

La lingua è lo strumento attraverso il quale si formulano e veicolano i concetti e il tema di cui mi occupo è un ottimo campo in cui si esercita questa sua funzione.

Molti dicono che in origine il popolo ebraico era – come i popoli a lui contemporanei – “politeista” e che poi ha conseguito la conquista di un più maturo pensiero “monoteista” introducendolo nel mondo.

Io ritengo che entrambe le definizioni siano profondamente errate in quanto fanno uso del concetto contenuto nel vocabolo “teismo” che risulta invece essere frutto di una elaborazione teorica successiva ed estranea rispetto ai racconti delle origini.

Gli elohim non erano degli “dèi”

Gli elohim non erano considerati “dèi” nel senso teologico del termine bensì individui superiori nei confronti della cui potenza bisognava nutrire timoroso rispetto e praticare l’obbedienza.

I termini “politeismo” e “monoteismo” applicati all’Antico Testamento sono quindi a mio avviso fortemente ingannevoli, in quanto figli del pensiero teologico che ha elaborato a posteriori la figura di “dio”.

Nella loro formulazione danno per scontato che quei testi parlassero di “dio” e che nel tempo si sia realizzata una sorta di maturazione culturale che ha portato dal primitivo politeismo barbaro/pagano ad un più maturo e corretto monoteismo.

I sostantivi “politeismo” e “monoteismo” contribuiscono cioè a introdurre e mantenere surrettiziamente una idea non corrispondente alla concretezza dei racconti biblici che invece non parlano di “dio” in quel senso specifico che è stato successivamente elaborato a tavolino dai fondatori delle religioni.

Così almeno mi pare di cogliere.

Mauro Biglinostudioso di storia delle religioni, è stato traduttore di ebraico antico per conto delle Edizioni San Paolo. Da circa 30 anni si occupa dei cosiddetti testi sacri nella convinzione che solo la conoscenza e l’analisi diretta di ciò che hanno scritto gli antichi redattori possano aiutare a comprendere veramente il pensiero religioso formulato dall’umanità nella sua storia. Autore di numerosi best seller, tra cui: “La Bibbia non è un Libro Sacro“, “Il Libro che Cambierà per Sempre le Nostre Idee sulla Bibbia“, “Il dio alieno della Bibbia

Potrebbe interessarti anche:

Biglino Mauro

Autore: Mauro Biglino

Mauro Biglino, studioso di storia delle religioni, è stato traduttore di ebraico antico per conto delle Edizioni San Paolo. Mauro Biglino è curatore di prodotti multimediali di carattere storico, culturale e didattico per importanti case editrici italiane, collaboratore di riviste, studioso di storia delle religioni, traduttore di ebraico antico per conto delle Edizioni San Paolo. Da circa 30 anni si occupa dei cosiddetti testi sacri nella convinzione che solo la conoscenza e l'analisi diretta di ciò che hanno scritto gli antichi redattori possano aiutare a comprendere veramente il pensiero religioso formulato dall'umanità nella sua storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *