Gli dei del Diluvio | di Massimiliano Caranzano

Alla scoperta dell’evento cosmico che cancellò la memoria PRIMA DI NOI

Un libro di Massimiliano Caranzano

21.50

In arrivo

ISBN: 9788833801872 Categorie: , , Autore: Numero pagine: 450


Com’è possibile che l’umanità abbia dimenticato l’esistenza della civiltà antidiluviana che ci ha
preceduto molte migliaia di anni fa?

I membri di questa avanzata civiltà, sopravvissuti al diluvio, tentarono di portare la loro co noscenza presso quei popoli primitivi post-diluviani, da cui sorsero le civiltà mesopotamiche, centro e sudamericane, indiane, asiatiche, da cui si sviluppò l’attuale mondo che conosciamo.

Dall’associazione tra rituali e feste, simili in tutto il mondo, con la celebrazione delle ricorrenze
per i defunti e dell’inizio dell’anno, prende il via un percorso alla ricerca delle nostre origini e
di coloro che ci hanno “creato”.

Con questo libro scoprirai:

• l’associazione frequente tra la ricorrenza dei morti e il diluvio universale

• rifugi atomici paleolitici

• chi sopravvisse alla catastrofe ambientale planetaria

… e molto altro ancora.

Da non perdere

Ogni novembre, al rintocco delle campane degli impatti cosmici,
noi tutti commemoriamo i caduti dell’ultimo giudizio universale,
in cui un diluvio planetario quasi annientò l’umanità
e cancellò la memoria di Prima di Noi.

Un libro di Massimiliano Caranzano

Caranzano Massimiliano

Autore: Massimiliano Caranzano

Massimiliano Caranzano, nato a Loano nel 1968, laureato in Ingegneria Elettronica, esperto di Information Technologies, Intelligenza Artificiale e speaker in eventi di livello mondiale. Autore di libri sulle tematiche energetiche e la salvaguardia ambientale, coltiva da oltre quarant’anni un interesse particolare per la ricerca delle vere origini dell’umanità.

Informazioni aggiuntive

Pagine

450

Dimensioni

16 x 24

Invia la tua recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni

Gli dei del Diluvio | di Massimiliano Caranzano