Il Falso Dio

Da Osiride a Gesù: l’anima pagana del culto cristiano

Vuoi leggere l'anteprima?

Acconsenti a ricevere in email l'omaggio e la newsletter di unoeditori.com come indicato nell'informativa sulla privacy.

1.00

In arrivo

ISBN: 9788885517004 Categorie: , , , Autore: Numero pagine: 230


Il Falso Dio

In ambito storico-sociale l’uomo e il Divino rappresentano un binomio inscindibile, il cui sviluppo parallelo ha portato alla costituzione del rito e del sacro. La pratica del culto ha sempre assunto, sin dalle epoche più remote, la funzione sociale e politica di aggregare e “pilotare” la massa per mezzo di risposte faziose riguardo ai problemi ultimi dell’esistenza:

  • Qual è il senso della vita?
  • Perché e da chi sono stato creato?
  • Cosa mi attende dopo la morte?

Le religioni hanno dato vita a pantheon ricchi di dèi o a rigidi monoteismi che pretendevano e pretendono ancora oggi l’ubbidienza e la devozione morale, pratica ed economica dei credenti. Da Osiride a Gesù, attraverso i testi sacri, è stato creato il Falso Dio con precisi intenti di propaganda e di controllo.

Soprattutto il Cristianesimo, le cui origini sono tutt’altro che limpide, ha dato risposte e forma al suo messaggio di salvezza cannibalizzando gli elementi essenziali dai culti preesistenti:

  1. L’immortalità dell’anima, il giudizio universale, la risurrezione e il dualismo Dio/Diavolo derivano dallo zoroastrismo, dai culti misterici greci e dalla Sapienza egizia. Tutti antecedenti il cristianesimo di molti secoli.
  2. La Croce, il simbolo cristiano per eccellenza, risale al neolitico e al culto del Sole; in Mesopotamia la croce Tau identificava il dio babilonese Tammuz, in Egitto l’ankh simboleggiava la vita, il soffio vitale.
  3. L’anno liturgico cristiano è una pantomima di festività pagane. Da Capodanno a Natale l’origine delle celebrazioni è mesopotamica, egizia e romana.
  4. Il culto cristiano si sorregge grazie ai dogmi, proposizioni faziose ma accettate incondizionatamente, non discutibili e considerate Verità rivelata direttamente da Dio. I dogmi sono stati predisposti a partire dal IV secolo e successivamente integrati e aggiornati sino al 1950.
  5. Gesù Cristo, dalla sua immagine al suo messaggio, è un personaggio spurio. Gli autori dei testi considerati fonti accreditate non lo hanno mai conosciuto e non sono stati testimoni oculari delle presunte opere.

La religione cristiana, sebbene si proponga come unica, originale e salvifica, in realtà è un rifacimento di culti antecedenti ed è posseduta da una vigorosa e robusta anima pagana.

Un libro di Stefania Tosi.

Tosi Stefania

Autore: Stefania Tosi

Stefania Tosi, laureata in Storia, è docente di materie umanistiche, ricercatrice indipendente, studiosa di storia antica e di mitologia. Da più di dieci anni si occupa di storia dell’Antico Egitto e dei testi sacri egizi a cui ha successivamente affiancato l’analisi dei testi biblici. Vive e lavora a Milano.

Informazioni aggiuntive

Pubblicazione

Maggio 2017

Dimensioni

14×20 cm

Pagine

230

Voto medio

5.00

03
(3 Recensioni)
5 Stelle
100%
4 Stelle
0%
3 Stelle
0%
2 Stelle
0%
1 Stelle
0%
Invia la tua recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 Recensioni per questo prodotto

  1. Avatar
    03

    di Mirko R.

    Un libro che apre decisamente gli occhi e la mente. Non mancano riferimenti storici e particolari ben documentati. Consigliato a credenti e non.

  2. Avatar
    03

    di 74colombo

    Bellissimo libro pieno di riferimenti storici che spiega molto bene la nascita di queste finte credenze che oggi schiavizzano e vivono alle spalle dei poveri credenti poco informati o istruiti.

  3. Avatar
    03

    di Amir Abbas

    Un’accurata disamina, ricca di riferimenti e dettagli storici, in cui si passa dal concetto del divino per le culture più antiche fino ad arrivare all’affermarsi del cristianesimo con annessa una monumentale opera di “esproprio, interpolazione, falsità deliberate, adattamenti e rimaneggiamenti di ogni sorta. Di particolare interesse i riferimenti tratti dal libro di Marco Pizzuti ed i capitoli relativi alle festività, ai culti egizi e zoroastriani. Non posso che consigliarne la lettura, come anche altri volumi dell’autrice altrettanto affascinanti. Questo filone di brevi saggi fanno capire come vengono utilizzati simbolismi e riti antichi per proporre una pantomima che va avanti da troppo tempo.