Schermata 2019-03-01 alle 09.53.13

Riequilibrio Quantico Integrato: individuare lo specifico stress inconscio alla base del problema cronico

Ogni persona è unica e irripetibile, perciò una soluzione ad un determinato problema può non avere lo stesso effetto su due persone diverse. È il concetto che sta alla base del Metodo RQI®, sigla che sta per Riequilibrio Quantico Integrato. E questo è anche il titolo del nuovo libro di Marco Fincati, ideatore e divulgatore del Metodo.

Dott. Fincati, ci presenti in breve il suo libro.

Ho sentito l’esigenza di riunire in un volume, in maniera semplice e lineare, le conoscenze che ho accumulato in anni di studi, ricerche e sperimentazioni. I primi capitoli  possono dare al lettore consapevolezze e strumenti utili per comprendere il sistema in cui tutti viviamo.

Nozioni di fisica quantistica e di medicina tradizionale cinese, il funzionamento della mente conscia e di quella inconscia, cos’è lo stress, cos’è la malattia, cosa significa benessere e tanti altri argomenti correlati. A seguire vi è la spiegazione del Metodo RQI® e le sue fasi.

 

Il sottotitolo è “Le vere cause di tutti i problemi e le migliori soluzioni per risolverli”. Ci spieghi meglio.

Quando ci troviamo a fronteggiare un problema, che sia di salute o di altra natura, è fondamentale capire qual è la vera ragione.

Non ci si può limitare a eliminare i sintomi, bisogna invece agire sulla causa per essere certi di rimuovere il problema. Numerosi studi hanno ormai appurato che il 95% delle malattie è causato dallo stress, che può essere di tipo fisico, energetico o, nella maggior parte dei casi, emotivo. Per essere sicuri di comprendere la natura del problema, dobbiamo dunque individuare quale specifico stress è alla sua base. Solo a quel punto possiamo individuare qual è la migliore soluzione per risolvere quello stress e far tornare il nostro organismo in uno stato di equilibrio.

 

Com’è possibile farlo? Serve l’aiuto di una persona specializzata?

La chiave è il dialogo con l’inconscio.

È la nostra mente inconscia a controllare il 95% della nostra vita, comprese le funzioni vitali del nostro corpo e lo stato di salute o di malattia. Il primo passo è dunque quello di imparare a dialogare con lei, l’unica in grado di rivelarci quale stress è alla base del nostro problema. Ed è sempre lei, la mente inconscia, a dirci anche quale soluzione è la migliore per noi in quella determinata circostanza.

Se prendiamo 10 persone con la stessa problematica e applichiamo a tutte la stessa soluzione, noteremo risultati molto diversi. Allo stesso tempo tutti i prodotti, i rimedi e le discipline, sia a livello chimico, energetico, psicologico e spirituale, possono funzionare. Il punto quindi è capire di quale stimolo ha bisogno il nostro organismo per ritrovare il proprio equilibrio.

Per rispondere alla sua domanda, dunque, è una cosa che chiunque può imparare e fare in autonomia nella propria vita quotidiana. Non servono particolari conoscenze o competenze, serve solo la voglia di scoprire sé stessi.

 

Immagino sia bellissimo scoprire aspetti nuovi di sé e ottenere risultati oggettivi…

Certo… in una visione olistica l’approccio fisico è solo il punto di partenza: risolvere in breve tempo un dolore o un problema cronico dà la giusta fiducia per poter iniziare un altro tipo di percorso, quello all’interno di sé stessi. Partendo da un approccio fisico, materiale, si compie piano piano un “viaggio” che diventa spirituale, fino ad arrivare a comprendere concetti come quello di coerenza. Con il termine coerenza si intende quello stato di pace e benessere, quando c’è una forte connessione tra il cuore e il cervello, in grado di ridurre notevolmente lo stress e di “sbloccare” la nostra guida interiore.

 

Dott. Fincati, lei divulga questi concetti già da diversi anni, come vengono accolti?

Negli ultimi anni ho avuto modo di riscontrare una sempre maggiore apertura verso questi temi. Sul web le persone interessate, che si informano sono centinaia di migliaia. E moltissime sono le persone che incontro personalmente ogni anno e che testimoniano la validità di ciò che divulgo e che applicano quotidianamente nella propria vita.

Ultimamente iniziano a prestare attenzione a questi temi anche le istituzioni. Per farle qualche esempio, il metodo RQI® è stato al centro di uno studio antropologico portato avanti da una ricercatrice dell’Università di Amsterdam, e inoltre ho recentemente iniziato a tenere dei workshop nelle Istituzioni come Usl e Scuole.

 

Dott. Fincati, se i nostri lettori volessero seguire una sua conferenza o seminario, dove la troviamo?

Grazie 🙂 Le mie attività sono date con base nella Repubblica di San Marino. Ma negli ultimi mesi ho sentito l’esigenza di spostarmi un po’ in tutta Italia per presentare non solo il mio ultimo libro, ma anche un progetto che mi sta molto a cuore a cui ho dato il nome di Q project 2.0.  Si tratta di un’iniziativa che ha l’obiettivo di risvegliare la coscienza collettiva e di dimostrare scientificamente che è possibile migliorare il mondo in cui viviamo lavorando su noi stessi. Per fare ciò io e i miei collaboratori vogliamo andare ad incontrare altre persone che sentono dentro di sé la missione di fare la propria parte per migliorare il mondo.

Grazie

Grazie a voi

Fincati Marco

Autore: Marco Fincati

Marco Fincati, ideatore del Metodo RQI®, è ricercatore, formatore e terapeuta. Esperto di discipline e tecniche per il benessere e l'auto-guarigione, dopo aver sperimentato con successo le sue scoperte su sè stesso, ha applicato e insegnato il suo Metodo a migliaia di persone. Nel 2013 ha co-fondato Q Institute, il primo istituto al mondo nato per diffondere conoscenze e tecniche per rendersi indipendenti e felici.

1 Comment

  1. L'inconscio è il responsabile e "la guida", allo stesso tempo, del nostro organismo. E' una specie di faro ma è anche un baratro oscuro. Capirlo è difficile, se non addirittura impossibile; bisogna forse seguirlo con infinita pazienza e saperlo "addolcire" come se fosse un orso selvatico che ha bisogno di un favo di miele per avvicinarsi all'essere umano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *