stoicismo

Ritorno agli insegnamenti stoici per migliorare la propria vita

Stoicismo 2.0 dagli States

Negli Stati Uniti, negli ultimo anni, è esploso un fenomeno: lo Stoicismo.

È sufficiente notare l’enorme successo di best seller come The Daily Stoic di Ryan Holiday o How to Be a Stoic di Massimo Pigliucci; o, ancora, sempre di Pigliucci, A Handbook for New Stoics, un libro uscito solo da qualche mese ma già in testa alle classifiche.

Questa antica filosofia è diventata – per gli imprenditori, i manager, i politici ma anche la gente comune degli States – la nuova linea guida da seguire per vivere in modo sano e soddisfacente.

Che tutto questo stia avvenendo nella nazione-guida del mondo contemporaneo, a mio parere, risulta una cosa del tutto naturale.  Il popolo americano è infatti da sempre alla ricerca delle novità più utili e pratiche, in qualsiasi campo, per migliorare la qualità della propria vita. È proprio negli Stati Uniti che si sono sviluppate – per prime e in modo più forte – correnti di pensiero come la New Age, l’esoterismo di stampo orientale, il salutismo radicale, le religioni alternative e così via.

Tutte queste correnti, però, per molti non sono risultati sufficienti per ridare senso e appagamento alla propria vita. Bisognava andare alla ricerca di una forma mentis che mantenesse calmi in qualsiasi situazione, senza cadere in strane credenze trascendentali.

E così, dopo aver sperimentato tutto lo sperimentabile, gli americani si sono nuovamente rivolti al passato:

“Come avevano fatto i nostri antenati a soddisfare le loro esigenze esistenziali?

La risposta a questa domanda non poteva che essere, come adesso vedremo, lo “Stoicismo”.

L’antica filosofia occidentale

La seconda ragione per comprendere questo amore per lo Stoicismo da parte degli americani (ma che sta facendo innamorare sempre più anche gli europei) consiste nel fatto che la filosofia stoica è occidentale. Non solo:

Essa è quella che più di ogni altra – anche se i più lo ignorano – che ha influenzato la nostra visione etica della vita.

Giusto per intenderci:

•  il senso del dovere,
• non avere mai paura
• non farsi mai sopraffare dalle emozioni”
• il concetto di virtù
• reggere il dolore e la sofferenza
• non lamentarsi

…e molto altro, sono tutti concetti sviluppati da questa antica filosofia.

Insomma, lo Stoicismo è alla base del comportamento che noi occidentali riteniamo “giusto”.

Ne consegue che questa è la filosofia pratica che un occidentale, quando ne viene a conoscenza, sente più familiare e affine a sé, anche se i principi di fondo sono simili a quelli di importanti filosofie orientali (come ad esempio lo Zen).

 

Le antiche radici dello stoicismo

Ma quando e dove è nato lo Stoicismo?

La filosofia stoica nasce nell’Antica Grecia più di 2300 anni fa.

A fondarla fu Zenone di Cizio. Dalla sua nascita in poi lo Stoicismo andò a influenzare sempre più le personalità più importanti del mondo greco-romano. Ma fu a Roma che lo Stoicismo conobbe un successo incredibile, tanto da essere, per ben cinquecento anni, la principale scuola di formazione dei Romani. Non a caso da molti fu ritenuta la filosofia dell’Impero.

Tra le grandi personalità romane che la adottarono come propria filosofia di vita – o che comunque ne furono molto influenzati  – troviamo Scipione Emiliano, Cicerone, l’imperatore Augusto, Virgilio, Seneca e l’imperatore Marco Aurelio. E queste, ovviamente, sono soltanto alcune.

La filosofia stoica, infatti, come accennato, era allora presente un po’ in ogni ambiente, soprattutto in ambiti in cui era richiesto un forte autocontrollo nonché in quelli dove il coraggio e il non lasciarsi sopraffare dalla paura erano fondamentali (non a caso era la filosofia che primeggiava nelle legioni romane).

Stoicismo nella storia

Lo Stoicismo perse la sua influenza sulle grandi personalità durante la fine dell’Impero, cioè durante il periodo in cui la classe dirigente si rivolse in una direzione opposta, e cioè verso uno stile di vita edonistico.

I suoi principi, però, ritrovarono vita durante tutto il Medioevo, periodo in cui per tutti i “secoli bui” il celebre motto stoico “reggi il dolore e astieniti dalla lamentazione” sembra abbia svolto il ruolo di “luce” per i cavalieri e per coloro che allora si distinsero.

Anche nel Rinascimento l’interesse per lo Stoicismo fu grande nonché per i principali protagonisti del periodo moderno in tutto l’Occidente (tanto per fare un esempio, George Washington e Thomas Jefferson ne furore degli attenti e costanti studiosi).

Insomma, come avrete capito, da più di due millenni lo Stoicismo dona forza alla nostra civiltà e “interviene” soprattutto nei momenti di maggiore smarrimento e in cui tutto sembra andare verso la catastrofe (sia sociale che interiore).

Ecco perché nella nazione-giuda del nostro pianeta, in quest’epoca in cui tutti noi ci sentiamo smarriti, si sta riaccendendo un forte interesse per lo Stoicismo. Non è un caso.

L’aspetto su cui dobbiamo riflettere con attenzione è che noi italiani abbiamo un importante ruolo in tutto questo.

Sì perché il suolo naturale su cui, come abbiamo visto, è fiorito e prosperato lo Stoicismo è proprio ls penisola italica.

È quindi nostro compito lavorare per costruire una nuova scuola stoica in grado di ridare forza e senso della vita a ognuno individuo che si ritrova a vivere in questo periodo così carico di malessere.

Lavorare per la costruzione di una nuova scuola stoica è quello che mi sono proposto di fare, con forza, in questi ultimi anni, iniziando a mettere il primo tassello con il mio libro Manuale di Resistenza al Potere. Nei prossimi mesi seguirà molto altro.

La vera rivoluzione interiore è appena iniziata.

Putrino Michele

Autore: Michele Putrino

Michele Putrino, dopo aver studiato filosofia, ha lavorato per anni come Exhibition Manager presso la Fondazione Roma Museo dove si è occupato del coordinamento del personale e degli eventi. In seguito si è occupato di coaching, in particolare nel settore della leadership, collaborando con esperti del settore e scrivendo numerosi articoli ed ebook.

1 Comment

  1. E' forse un bene che gli americani riscoprano lo Stoicismo come filosofia di vita... eh sì, noi lo praticavamo millenni fa; quindi, niente di nuovo sotto il sole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *