Thumb

Storia di un fumetto: come nacque la saga Elohim di Rontini e Biglino

Un’infanzia tra alieni e robot… e futuri elohim

Ci penso spesso… All’età di 7 anni fantasticavo su personaggi alieni e robot distruttori di mondi, su entità benigne e maligne che navigavano nell’etere cosmico contendendosi il predominio delle galassie.

Ad ognuno di questi assegnavo nomi precisi, genealogie e i loro rispettivi comportamenti: erano una chiara esternazione delle mie sfaccettature caratteriali.

Cercavo di raccontarmi… Certo può sembrare banale, perchè quale bambino (specie dagli anni ’90 in poi) non ha mai corroborato la sua immaginazione con storie fantascientifiche?

Ma ad oggi mi sembra comunque curioso, perché trova riscontri con l’attuale progetto della saga Elohim.

… e conobbi Mauro Biglino

Sei anni fa, grazie a un video di una conferenza che girava su internet, arrivai a conoscere Mauro Biglino. Grazie a quel video di Mauro, e grazie a tutti quelli che vidi successivamente, fui finalmente in grado di avere un quadro più completo su diverse questioni storiche, rimaste per me fino ad allora senza risposta.

Fu così che nel mio immaginario cominciò a delinearsi automaticamente un teatrino di immagini che tentavano di descrivere quello che gli sentivo raccontare.

E siccome ho subito apprezzato e stimato il suo metodo espositivo, cosa c’era di più concreto, per rendergli omaggio, se non una rappresentazione grafica dei suoi racconti?

… Storia di una creazione: la Saga Elohim

A forza di ascoltare Mauro riuscii a mettere insieme nozioni che mai avrei creduto potessero interessarmi a tal punto da realizzare pagine su pagine delle vicende più curiose che andava raccontando: entrai in profondo contatto con la sua lettura della Bibbia e mi addentrai in profondità ai temi… Ma fino ad allora non lo avevo ancora conosciuto di persona!

Solo dopo qualche mese mi convinsi di proporre la rappresentazione dei suoi racconti sotto forma di un unico fumetto; un’idea che entusiasmò Mauro e propose subito al suo editore che acconsentì senza riserve, pur non avendo mai pubblicato alcun genere di fumetto.

Questi fatti coincisero temporalmente con il periodo in cui non avevo un impiego fisso… e avere del tempo a disposizione mi spinse a buttarmi a capofitto sul progetto.

L’idea di formare una “Bibbia Letterale” a fumetti si scompose per praticità editoriale in una serie di capitoli, i quali resero più efficace lo svolgimento della storia.

Il “testamento” per così dire fra me e Mauro avvenne al palazzo congressi di Cesena e si snodò secondo questa regola: Mauro avrebbe fornito i riferimenti biblici mentre a me sarebbe spettato il compito di costruire i soggetti, i costumi, i luoghi, gli intrecci e la natura dei dialoghi,  alternanti fra una drammaticità estremamente terrena a una grande epicità.

Sinergie e sviluppo… dalla trama al titolo!

Il macro filone della trama era, così come lo è ora a distanza di 3 anni, fondato sul testo biblico, e solo più tardi avremmo considerato la possibile mescolanza di diversi racconti ed epopee di altre culture antiche, purché rientrassero nella logica del tema “dell’interventismo”.

Rimaneva incerto il titolo della saga, di volta in volta suggerivo termini ebraici quali “tselem” e simili, poi Mauro con la sua pacatezza esclamò “ELOHIM!” E così fu fatta luce…(tanto per rimanere nel tema)

Successivamente instaurammo un metodo di lavoro che prevedeva la lettura del testo biblico e la stesura di una sorta di “versione in prosa”, per delineare le vicende come se dovessimo preparare uno storyboard.

Lunghe discussioni mattutine, pomeridiane e notturne al chiaro di monitor, fra mail e chiamate Skype di accorgimenti o correzioni dei testi e dei loro contenuti.

Tendo sempre a precisare che non sono un fumettista e che non ho studiato fumetto, ma amo disegnare e inventare, cosa che mi ha concesso di laurearmi in industrial design a Milano.

La saga Elohim è stata presentata in diverse fiere del libro comprese quelle più importanti del fumetto, come quella di Lucca e Torino.

Ci sarebbe davvero moltissimo di cui parlare circa gli sviluppi laterali di questa saga, dalla versione a colori agli inserimenti scientifici, ma li rimando a una futura occasione.

Data l’enorme mole di contenuti e spunti che derivano dal contesto storico, Elohim si prospetta una saga molto lunga e fitta di sviluppi che prevedono sempre più citazioni dalla archeologia alla letteratura, dalla biologia alla antropologia. Tutto questo mi spinge a sperare che, così come avvenne per la redazione dei testi biblici, anche quest’opera moderna potrà integrare più disegnatori in una squadra che coopera allo sviluppo della saga.

Apro e chiudo una parentesi: cerco tuttora collaboratori 😉

Mi capita molto di rado la possibilità di ringraziare le persone che hanno permesso la realizzazione di questo progetto e voglio approfittarne ora per ricordare la mia gratitudine, a Mauro e alla Unoeditori family.

Con perseveranza,

Riccardo

________________________________

Riccardo Rontini: Sin da piccolo dimostra interesse per le materie artistiche e creative. Nel 2012 si laurea presso l’Istituto europeo di desing di Milano in “Industrial Design”. La sua capacità grafica e progettuale gli permettono di ribaltare in forma più comprensiva e intuitiva la sua idea di mondo. Per Uno editori è autore della saga a fumetti “Elohim”, ispirata ai libri di Mauro Biglino, ormai giunto al 13° capitolo.

Rontini Riccardo

Autore: Riccardo Rontini

Sin da piccolo, Riccardo Rontini dimostra interesse per le materie artistiche e creative che, presto, lo porteranno a frequentare il liceo artistico dove si diplomerà in “Architettura e Arredo” e, successivamente, nel 2012, a laurearsi presso l’Istituto europeo di desing di Milano in “Industrial Design”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *