L'uomo e quasi tutte le specie animali sono emersi contemporaneamente

DNA: una scoperta choc. Prove di manipolazione genetica?

DNA: una scoperta choc 

Dott. Stoeckle e Thaler

Dott. Stoeckle e Thaler

Mark Stoeckle della Rockefeller University e David Thaler dell’Università di Basilea, hanno pubblicato uno studio molto interessante, sulla rivista Human Evolution, basato sull’analisi approfondita del DNA di oltre 100.000 specie.

Ciò che hanno trovato li ha scioccati…

I loro dati hanno mostrato che quasi tutte le specie animali, incluso l’uomo, sono emerse più o meno allo stesso tempo sulla Terra, e che nove specie su 10, sono nate tra 100.000 e 200.000 anni fa.

Lo studio si basa sull’analisi delle differenze genetiche all’interno del DNA mitocondriale di diverse specie di animali.

A differenza dei geni presenti nel DNA nucleare, che possono differire notevolmente da specie a specie, tutti gli animali hanno lo stesso insieme di DNA mitocondriale, attraverso il quale è possibile effettuare un confronto, in quanto le sequenze genetiche all’interno del DNA mitocondriale possono essere neutre. Quindi, il conteggio del numero di queste differenze mutazionali neutre, può essere usato come un orologio per calcolare il tempo trascorso.

Darwin si sbagliava?

Ciò che sorprende e che mette in dubbio la teoria Darwiniana, è che quasi tutte le specie animali hanno circa lo stesso numero di queste mutazioni mitocondriali neutre, come se ci fosse stato un intervento su quasi tutte le specie.

L'uomo e quasi tutte le specie animali sono emersi contemporaneamenteE il tasso di mutazione, basato su relazioni evolutive filogeniche, suggerisce che tutte queste decine di migliaia di specie diverse, inclusi gli umani, siano nate tra 100.000 e 200.000 anni fa.

Quindi secondo i ricercatori, ciò a cui ci si trova di fronte, sono distinti “tipi” di animali con confini genetici molto chiari che nascono tutti nello stesso momento.

Tutto questo inizia a sembrare piuttosto progettato o addirittura biblico…

Un riscontro nei testi antichi

Come si spiega il fatto che il 90% della vita animale, geneticamente parlando, ha all’incirca la stessa età?
C’è stato un evento catastrofico 200.000 anni fa che ha quasi spazzato via tutto?

Oppure si tratta del risultato di un progetto ben architettato e messo in pratica, di cui forse possiamo trovare traccia sia nella Bibbia che nei testi egizi?

Ci viene spontaneo pensare ad un articolo di Massimo Barbetta apparso sulla rivista Archeomisteri ad agosto 2019 di cui vi proponiamo una sintesi rimandandovi all’articolo completo per l’analisi lessicale e il confronto dei testi in ebraico, latino, greco, italiano e nella versione inglese di Re Giacomo.

Le due genesi nella Bibbia: Genesi 1, 11-12 e Genesi 2, 5-6

L'uomo e quasi tutte le specie animali sono emersi contemporaneamenteL’Antico Testamento, come molti testi che sono pervenuti a noi dal passato, può mostrarsi un inaspettato scrigno di conoscenze tramandate da millenni, e potrebbero confermare le tesi emerse da studi recenti.

Come ampiamente dimostrato nel libro Le Porte degli Elohim di Massimo Barbetta e Mauro Biglino, la differenziazione tra il primo ed il secondo capitolo di Genesi li colloca in un diverso contesto spazio-temporale.

Infatti, se il secondo capitolo è ambientato sulla Terra, il primo, cronologicamente di molto antecedente al secondo, è situato in un luogo spazialmente distante dal nostro pianeta.

Un’attenta programmazione?

L'uomo e quasi tutte le specie animali sono emersi contemporaneamente

Leggendo il testo biblico appare chiara la programmazione di una natura vegetale pre-ordinata, studiata e orchestrata per noi, ma momentaneamente addormentata, in attesa della concreta partenza del progetto.

Il testo rivela un preliminare intervento sull’arcaica biosfera terrestre, dove una parte molto importante è riservata alla scelta della vegetazione, con l’obbiettivo di fornire l’alimentazione idonea ai futuri abitanti.

Dai 4 versetti del primo e del secondo capitolo della Genesi emerge come venisse posta l’attenzione sulla preparazione di una certa quantità di semiposti nel terreno (adamah) della Terra (Erets) sotto forma di spore, in attesa di essere risvegliate alla germinazione.

Al momento opportuno, per effetto di un fattore scatenante chiamato in ebraico Ed (acqua proveniente dalla terra), una sorta di vapore acqueo le cui componenti liquide (acqua) e gassose (aria) presenti si sarebbero fuse in un “unicum”  che si sarebbe poi esteso su tutta la superficie terrestre.

Questo passo della Genesi presenta delle evidenti correlazioni con le conoscenze egizie del mito della Creazione, molte volte raffigurato nelle antiche tombe…

uomo animali sono emersi contemporaneamente

Autore: Uno Editori

Uno Editori è un progetto editoriale nato nel 2011 con l’obiettivo di stimolare la ricerca interiore e diffondere gli insegnamenti spirituali che hanno indicato percorsi di consapevolezza per l’evoluzione dell’umanità. L’intento è di contribuire con le proprie iniziative a divulgare l’arte della vita nelle forme espressive più vicine o ispirate alla saggezza di ogni luogo e tempo. Convinti che il fine della ricerca interiore sia il miglioramento della collettività e del mondo, nel tempo abbiamo dato vita a diverse collane, riunite da un profondo sentire di libertà della coscienza, che contraddistingue tutte le nostre produzioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Main Menu

error: Attenzione: questo contenuto è protetto!!