Prezzi ridotti!
Il Cristianesimo: un'invenzione di "San" Paolo
Allarga

Il Cristianesimo: un'invenzione di "San" Paolo

Nuovo

Francesco Esposito


Una storia di violenze, reinterpretazioni, mistificazioni e inganni

Maggiori dettagli


Pubblicazione: Novembre 2016

Dimensioni: 14 x 20 cm

Pagine: 224

9788899912147


Vuoi acquistare questo articolo?

11,82 €

13,90 €

-15%

Tutti i prezzi sono IVA inclusi

> Garanzia di qualità al “100% UNO”
> Spedizione gratuite dopo i 29€
> Consegna in Italia in 24/48 ore
> Pagamenti sicuri
> Download immediato di ebook
> Hai bisogno di aiuto?
Numero Verde: 800 58 79 81

DESCRIZIONE

Il movimento cristiano primitivo fonda le sue radici storiche in un periodo tumultuoso e violento.

Il popolo ebraico si ritrova ad affrontare la dura realtà dell’epoca: da una parte il giogo romano, dall’altra gli animi degli ebrei più delusi, e riuniti in movimenti settari il cui scopo è difendere la propria identità e la libertà della terra di Israele. È in questo contesto che spicca la figura di Gesù di Nazareth. Ricostruendo parte della sua predicazione pubblica dai testi più antichi, si può notare come per Gesù sia inevitabile lo scontro durissimo con la disastrosa situazione politica e sociale del suo tempo.

Con la sua scomparsa, i discepoli in fuga iniziano a rielaborare il suo messaggio tentando di conciliarlo con l’evento tragico della crocifissione. Tale comunità tanto disomogenea trova però in Giacomo il Giusto, il fratello di Gesù, il nuovo leader carismatico, la cui personalità è riconosciuta persino dai suoi oppositori più feroci, fra cui un ex-fariseo ebreo conosciuto come Saulo (Paolo di Tarso).

Questi, da violento persecutore della nascente comunità, si autoproclama suo migliore portavoce mostrandosi, nelle lettere scritte di suo pugno, con un forte carattere individualista, a tratti megalomane e con un chiaro “arrivismo apostolico”, che sfocia in una rielaborazione della tradizione mosaica in funzione della sua personalissima dottrina del “Cristo risorto”. L’irruenza della dottrina paolina è tale da finire in un naturale scontro con la comunità di Gerusalemme governata dallo stesso Giacomo. 

 

In quale contesto storico ha operato Gesù? 

Gli uomini scelti da lui stesso furono volontà di un piano divino superiore, o il maestro di Galilea dovette invece raccogliere i frutti di quella situazione politica e sociale tanto disastrata?

Entrato in scena come feroce e convinto persecutore del movimento messianista nascente, fino ad autoproclamarsi suo Apostolo più illuminato: quali erano le reali intenzioni di Paolo?

Esisteva realmente un rapporto irenico fra Paolo e la comunità apostolica che aveva vissuto assieme a Gesù fino alla sua morte? 

Dopo la distruzione di Gerusalemme da parte dei Romani, quali furono le conseguenze della diffusione della dottrina paolina espressa nelle sue lettere?

Recensioni

Scrivi una recensione

Il Cristianesimo: un'invenzione di "San" Paolo

Il Cristianesimo: un'invenzione di "San" Paolo

Una storia di violenze, reinterpretazioni, mistificazioni e inganni

AUTORE

Esposito Francesco, Lamezia Terme (cz) classe 1986, si laurea in Scienze Filosofiche con una tesi magistrale sul De Cultu Feminarum di Tertulliano e la figura femminile nel cristianesimo patristico e nella società romana.


Studioso di cristianesimo primitivo e pre-conciliare, dal 2013 cura una rubrica di approfondimento sui testi biblici assieme all’autore Mauro Biglino intitolata “Racconti dall’Antico Testamento”.

Articoli correlati sul blog

Ho capito

Questo sito potrebbe utilizzare alcuni cookie, come riportato nella nostra cookie policy | Cosa sono i cookie?