Utero in affitto

La fabbricazione di bambini, la nuova forma di schiavismo. I retroscena della maternità surrogata, dalle derive dell’eugenetica agli interessi delle lobby.

Vuoi leggere l'anteprima?

Acconsenti a ricevere in email l'omaggio e la newsletter di unoeditori.com come indicato nell'informativa sulla privacy.

10.96 | 9.90

CartaceoCartaceoEbookEbook
Annulla
ISBN: 9788899760021 Categorie: , , Autore: Numero pagine: 200


Il 2 febbraio 2016 a Parigi, è stata sottoscritta una Carta per proporre agli Stati europei l’abolizione universale della maternità surrogata.

Anche in Italia di recente si è aperta la discussione sulla possibile legalizzazione dell’utero in affitto. Eppure la “gestazione per altri” (GPA) è una forma sofisticata di schiavismo moderno, in cui il corpo della donna è visto come merce e il bambino come un oggetto che può essere venduto e comprato. La generazione viene scollata dall’atto sessuale e diviene un lusso per pochi: “fabbricazione” di bambini.

Il meccanismo che sta dietro la GPA è infatti capitalista: finalizzato a trarre profitto e rivolto esclusivamente ai ricchi. Si tratta di un nuovo mercato che prevede la creazione di un’umanità artificiale.
Le ricerche scientifiche vanno infatti verso scenari distopici già immaginati da Aldous Huxley in Mondo Nuovo, ossia la creazione di spermatozoi e uteri artificiali in modo da “fabbricare” la nuova umanità sottraendo i nascituri alla generazione naturale.

Il presente saggio intende analizzare i retroscena economici, etici e morali del fenomeno, analizzare il business delle madri surroganti, gli interessi milionari delle lobby delle industrie biotecnologiche, la strumentalizzazione dei valori della sinistra, l’ambiguità del movimento femminista, lo spettro dell’eugenetica dietro questa pratica, la manipolazione mediatica tesa a convincere la popolazione ad abbracciare questa pratica.

Ecco alcuni argomenti che stai per approfondire:

  • il business delle madri surroganti e gli interessi delle lobby biotecnologiche;
  • da uomo mercificato a uomo merce;
  • eugenetica da “supermercato” e controllo della popolazione;
  • il lato psicologico e la questione del legame prenatale con la madre;
  • il mercato low cost in Ucraina e India e i rischi per la salute delle madri surroganti;
  • la manipolazione mediatica, il clima di isteria e i casi di “psicoreato”;
  • verso il Transumanesimo: dall’utero in affitto all’utero artificiale.

Un libro di Enrica Perucchietti.

Perucchietti Enrica

Autore: Enrica Perucchietti

Enrica Perucchietti, (Torino, 5 dicembre 1979) è una giornalista e scrittrice italiana. È caporedattrice del gruppo editoriale UNO. È autrice di numerosi saggi di successo tra cui ricordiamo: Fake news; Governo globale; La fabbrica della manipolazione; Unisex; False Flag. Sotto falsa bandiera. Il suo sito è: www.enricaperucchietti.it

Informazioni aggiuntive

Pubblicazione

Luglio 2016

Dimensioni

14 x 20 cm

Pagine

200

Scegli il tuo formato

Cartaceo, Ebook

Voto medio

4.75

Valutato 4.75 su 5 su base di 4 recensioni
04
(4 Recensioni)
5 Stelle
75%
4 Stelle
25%
3 Stelle
0%
2 Stelle
0%
1 Stelle
0%
Invia la tua recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 Recensioni per questo prodotto

  1. Valutato 5 su 5
    04

    di Alessia L

    Il libro è un’inchiesta sconvolgente sui retroscena relativi alla maternità surrogata. Da leggere e meditare.

  2. Valutato 5 su 5
    04

    di Sabrina

    Libro documentatissimo, scritto molto bene e appassionante. Rivela il lato oscuro di un fenomeno che dovremmo conoscere. L’autrice mostra come la surrogata sia un mercato in costante crescita, finalizzato a trarre profitto e rivolto esclusivamente ai ricchi. Consigliato

  3. Valutato 4 su 5
    04

    di Roberto P.

    Avevo già letto diversi libri dell’autrice. Mi ha sconvolto scoprire le storie delle madri surroganti nei paesi asiatici. Libro scritto benissimo che si divora velocemente e che fa riflettere. Consigliatissimo.

  4. Valutato 5 su 5
    04

    di Rossella F.

    Si tratta di un saggio a metà tra un pamphlet e un’inchiesta giornalistica. Scritto benissimo, divulgativo ma documentatissimo. Da leggere per comprendere un fenomeno che dovrebbe diventare un reato universale.

10.96 | 9.90

Aggiungi al carrello